Sterilizzazione della femmina

Procedure, rischi, benefici, costi e cure post-operatorie…

Data l’importanza dell’argomento, questo articolo del Magazine è accessibile a tutti, anche ai non abbonati.

Sterilizzazione è un termine usato per descrivere un procedimento chirurgico che prevede l’asportazione chirurgica dell’apparato riproduttore interno dei cani di sesso femminile. A molti proprietari viene consigliato di sterilizzare il proprio animale domestico una volta raggiunta l’età appropriata.

La stessa procedura può essere utilizzata per più scopi e può variare nel suo processo. È naturale per i proprietari voler sapere di più su qualsiasi intervento medico utilizzato sul loro animale.

In questo articolo sono riportate alcune delle domande più frequenti sulla sterilizzazione di un cane femmina.

Cosa significa sterilizzare un cane femmina?

Sterilizzazione, come detto, è il termine usato per descrivere l’operazione che rende sterile un cane femmina , di solito una ovarioisterectomia. Questo intervento chirurgico aiuta a controllare la popolazione canina e può prevenire una serie di altre complicazioni di salute nel cane femmina. Inoltre, la sterilizzazione di un cane femmina eliminerà anche il processo del ciclo estrale.

Gli interventi di sterilizzazione vengono effettuati in quasi tutte le cliniche e gli ospedali veterinari, e rappresentano una delle chirurgie più praticate al mondo. Al giorno d’oggi è sempre più necessario educare i proprietari a sterilizzare i propri animali se non vi è l’intenzione di riprodurli. Sempre più persone lo fanno perché elimina il rischio di accoppiamenti indesiderati, ed è anche più conveniente per i proprietari non avere a che fare con il ciclo estrale di una femmina (ad es. macchie di sangue, sbalzi d’umore, ecc.)

Perché dovrei far sterilizzare la mia femmina?

Il motivo numero uno per sterilizzare il tuo cane è quello di eliminare la possibilità di cuccioli indesiderati . È noto che migliaia di cani siano già in rifugi o in canile, in attesa di una casa. Da questo link è possibile visualizzare alcune statistiche redatte dalla ASPCA.

Gli accoppiamenti indesiderati e il sempre più frequente abbandono aggravano questo problema. Se allevati da un proprietario senza esperienza o preparazione, questi cuccioli possono anche finire con molti problemi di salute, aumentando le possibilità di essere abbandonati entro pochi mesi di vita.

Ma ci sono più motivi per sterilizzare un cane femmina.

Molti proprietari sono impreparati al fastidio e alla pulizia che è carente quando una femmina intera è in calore. I cani di sesso femminile sanguinano (di solito due o tre volte l’anno) e sono fertili in questo momento del ciclo. Qualsiasi cane maschio intero nella zona sarà attratto dalla femmina durante il calore. Una volta eseguito un intervento di sterilizzazione, il cane non sanguina più o non è in grado di concepire. Le femmine in calore mostrano segni di sbalzi d’umore, comportamenti strani e possono essere più difficili da gestire.

Il rischio che si sviluppi una piometra è un altro grande motivo per sterilizzare un cane femmina prima che essa insorga piuttosto che dopo.

SCHEMA DELL’APPARATO RIPRODUTTORE FEMMINILE

Inoltre, le femmine che vengono lasciate intatte sono soggette a molte complicazioni di salute mentre invecchiano. I tumori mammari e ovarici sono comuni nelle femmine di mezza età o senior. Se le ovaie vengono rimosse durante la sterilizzazione, gli ormoni che portano a questi tumori non vengono più rilasciati e quindi riducono qualsiasi rischio associato ad essi. Tuttavia l’argomento è troppo complesso per ridursi a queste poche generiche nozioni, e ci torneremo citando anche gli ultimi studi in materia di incidenza dei tumori mammari nelle cagne sterilizzate…

Quali sono i vantaggi della sterilizzazione?

Come accennato in precedenza, sterilizzare una femmina le impedisce di rimanere incinta. Ciò significa che il proprietario sarà in grado di portare i propri animali domestici in parchi per cani, spiagge e altre aree frequentate dai cani senza doversi preoccupare se il loro cane è fertile o meno.

Quando la femmina invecchia, è meno probabile che sviluppi tumori se è stata sterilizzata. Questi tumori possono essere costosi da rimuovere e possono richiedere interventi chirurgici pericolosi.

Inoltre, il comportamento di un cane femmina in calore può essere difficile da gestire. Le femmine intatte possono spesso contrassegnare il loro territorio per attirare i maschi nelle vicinanze. Se il cane viene sterilizzato, non mostrerà queste abitudini indesiderate.

Sterilizzare una femmina ha dei rischi?

In una femmina sana e matura, la sterilizzazione comporta pochissimi rischi . È importante eseguire questo intervento in femmine adulte e mai troppo in là con gli anni, anche se il momento migliore per eseguire l’intervento è ancora discusso. A causa del rapido tasso di crescita, nel caso specifico dei soggetti appartenenti a razze giganti, alcuni veterinari suggeriscono di aspettare fino all’età pubere (cioè dopo il primo estro).

Detto questo, possono verificarsi alcune complicazioni se la femmina ha già una condizione di salute precaria. Inoltre, l’uso dell’anestesia comporta sempre un piccolo rischio, anche se con la tecnologia moderna questi tendono ad essere estremamente ridotti.

Quindi, fino a quando il tuo cane è giovane e non soffre di problemi di salute , un intervento chirurgico di sterilizzazione ha una probabilità molto alta di avere successo. La procedura è standard ed è eseguita dalla maggior parte dei veterinari regolarmente e tutti sono in grado di affrontarla!

Quanto costa l’intervento di sterilizzazione?

In media, il prezzo della sterilizzazione di un cane varia comunemente da 150 a 300 euro. In alcune situazioni, è possibile che vi siano costi aggiuntivi, ad esempio una degenza presso la clinica veterinaria o altre procedure di assistenza facoltativa.

Per un cane sano che non è vecchio o sovrappeso, un intervento chirurgico di questo tipo non dovrebbe essere scandaloso nel prezzo . Una cosa da notare è che le femmine di razza più grande costano più delle razze più piccole. Ciò è dovuto alla quantità di anestesia necessaria per eseguire l’operazione.

Anche l’ubicazione della clinica veterinaria o dell’ospedale per animali influisce sul costo complessivo dell’intervento. Regioni diverse avranno prezzi variabili per le procedure chirurgiche e per le attrezzature che utilizzano. In alcuni casi, le università chiederanno meno delle cliniche veterinarie standard per eseguire un intervento di sterilizzazione. Questo perché molti interventi sono eseguiti a scopo didattico, in presenza degli studenti. Alcuni rifugi offrono anche tariffe scontate o dispongono di agevolazioni, nel tentativo di controllare la popolazione di animali domestici, sensibilizzando il pubblico a questo tipo di problema.

Sterilizzare è eticamente corretto? O è un maltrattamento?

La risposta a questa domanda si riduce in realtà alla situazione individuale del cane e del proprietario .

Da un lato, gli allevatori esperti che esercitano grande cura nelle loro pratiche di allevamento non potrebbero mai sterilizzare le loro femmine. Per loro, sterilizzare una cagna in buona salute non sarebbe vantaggioso e chiaramente controproducente, visto che in un allevamento sono le femmine a produrre i loro cuccioli.

I proprietari, d’altra parte, devono essere assolutamente sicuri che la loro femmina non avrà contatti con maschi e decidono di non farla sterilizzare. I cuccioli indesiderati sono un grosso problema in molte parti del mondo e far nascere esseri senzienti che non hanno nessuno che si prenda cura di loro è considerato non etico dall’opinione pubblica.

Detto questo, se il cane può essere tranquillamente tenuto in casa o in un cortile recintato durante i suoi cicli di calore, occorrerà valutare che i benefici sulla salute di una sterilizzazione superino gli inconvenienti di una femmina intatta.

Quando NON è consigliabile sterilizzare la propria femmina?

Se da un lato la sterilizzazione è generalmente sicura, dall’altro ci sono alcuni scenari che possono renderla inappropriata. Alcuni veterinari raccomandano una ovarioisterectomia durante una procedura di interruzione di gravidanza, tuttavia vi è un aumentato rischio di imponenti emorragie se la femmina è in stato di gravidanza.

Con la pubblicazione di studi recenti sulla correlazione tra alcuni tumori e la sterilizzazione, molti proprietari stanno cercando altre misure preventive per il controllo delle nascite dei cani. Le femmine di razza grande e gigante sembrano trarre il massimo beneficio da un intervento chirurgico di sterilizzazione tardivo. Esempi di studi possono essere trovati qui , qui e qui sul blog Scientific American.

Un altro gruppo a rischio è rappresentato da femmine che già soffrono di gravi problemi di salute. I cani obesi tendono ad avere maggiori complicazioni sul tavolo operatorio. Inoltre, i cani di età avanzata hanno difficoltà a gestire gli effetti dell’anestesia generale e può essere consigliato non sottoporli a nessun tipo di intervento chirurgico.

Tecniche chirurgiche utilizzate per sterilizzare la femmina

Quando si tratta di sterilizzare un cane, una taglia non sempre si adatta a tutte le tecniche. Decidere quale intervento chirurgico scegliere spetta al proprietario dietro consiglio medico veterinario, anche tenendo conto dello stile di vita della cagna.

Il tipo più comune di sterilizzazione è di gran lunga la ovarioisterectomia . Durante questa operazione, vengono rimosse sia le ovaie che l’utero , il che significa che l’utero del cane è assente e non verranno prodotti più ormoni sessuali. È la chirurgia più comunemente eseguita nella maggior parte se non in tutte le cliniche veterinarie.

Una seconda opzione è l’isterectomia, in cui le ovaie vengono lasciate in situ ma l’utero viene rimosso . La femmina non sarà più in grado di rimanere incinta e non avrà le manifestazioni esterne del calore. Poiché le ovaie sono lasciate all’interno del cane, gli ormoni sessuali saranno comunque prodotti. Ciò significa che i tassi di crescita non saranno influenzati dall’intervento. I tumori mammari e ovarici possono ancora svilupparsi mentre il cane invecchia. Questo perché sono causati dal rilascio di ormoni dalle ovaie.

La legatura delle tube è un intervento che mantiene anatomicamente ogni porzione dell’apparato riproduttore ma impedisce che avvenga la fecondazione. Purtroppo i casi di insuccesso di questo tipo di intervento lo hanno reso il meno utilizzato al giorno d’oggi.

Cure post-operatorie

Per coloro che decidono di far sterilizzare il loro cane femmina, si deve prestare particolare attenzione all’animale durante il processo di guarigione. Ci sono accorgimenti che possono essere presi per facilitare il periodo di recupero.

Prendersi cura di una femmina appena sterilizzata

Dopo che è stato eseguito un intervento di sterilizzazione, è importante monitorare attentamente il paziente mentre si sveglia dall’anestesia. La frequenza cardiaca e la respirazione saranno monitorate per garantire che continuino a un ritmo normale. Inoltre, i farmaci continuano ad essere metabolizzati dall’organismo, quindi potrebbe essere necessario un giorno o due prima che il comportamento ritorni alla normalità.

Una volta che il cane è stato dimesso, il proprietario sarà incaricato di controllare le complicazioni post-operazione. La piccola breccia operatoria, solitamente ampia pochi centimetri, si presenterà suturata. È importante controllare quotidianamente la ferita chirurgica per identificare qualsiasi segno di:

  • irritazioni o rossori anomali
  • gonfiore eccessivo
  • presenza di pus o essudato anormale
  • emorragie
  • punti di sutura danneggiati

Inoltre, se il cane diventa letargico e si rifiuta di mangiare per giorni dopo la procedura, contatta il veterinario il prima possibile. Queste attività regolari dovrebbero riprendere mentre la ferita guarisce , quindi concedete alla vostra femmina due settimane circa.

Accetta che il cane abbia subito una procedura importante. Attacchi di aggressività, eccessiva sonnolenza e anche letargia sono prevedibili nelle ore e nei giorni successivi a un intervento chirurgico di sterilizzazione. L’uso di un collare elisabettiano può aiutare a ridurre i problemi causati da mordicchiamenti sul sito dell’incisione.

Se sono state utilizzate suture non riassorbibili, sarà necessario un viaggio di ritorno dal veterinario per rimuoverle. Questo di solito avviene 1-2 settimane dopo l’operazione. Si possono usare suture riassorbibili e in questo caso non è necessario un secondo appuntamento per la rimozione.

Cerca di introdurre il cibo lentamente al tuo cane dopo l’intervento. Può volerci un po’ di tempo per il ripristino del normale appetito, quindi potrebbe essere necessario un po’ di incoraggiamento. È importante mantenerla idratata durante il processo di guarigione, quindi fornire molta acqua fresca per tutto il giorno.

Se il tuo cane era in calore al momento dell’intervento chirurgico, è imperativo tenere lontani tutti i maschi per diverse settimane dopo. La sua zona addominale sarà vulnerabile in questo momento e potrebbe danneggiarsi se un cane maschio la monta.

Qualsiasi segno grave di malessere come la respirazione affannosa, il battito cardiaco accelerato o il vomito e la diarrea indicano che qualcosa non va. Porta immediatamente il cane dal veterinario o in un ospedale per animali se si verificano questi sintomi.

Fornisci un esercizio lento e costante al tuo cane nei giorni successivi all’intervento. Brevi passeggiate al guinzaglio possono essere utili per il suo recupero, ma un esercizio eccessivo e un gioco energico dovrebbero essere evitati per almeno due settimane dall’intervento.

Conclusioni

Molte persone scelgono di far sterilizzare il loro cane femmina per motivi di salute e di stile di vita. L’intervento chirurgico può essere eseguito in sicurezza se la situazione sanitaria del cane è valutata correttamente. La scelta di un veterinario specialista può rendere il processo ancora più sicuro, ma aumenterà inevitabilmente il conto totale dei costi. Monitorare il cane dopo l’intervento può aiutare a identificare rapidamente le complicanze e fornire il miglior risultato per l’animale.

scelta, selezione


EMG Admin

Medico Veterinario e Allevatore di Labrador con Affisso Riconosciuto ENCI - FCI "EpicMagnaGraecia's" dal 2001.

Lascia un commento

Restiamo in contatto

Iscriviti alla nostra Newsletter per non perdere gli aggiornamenti.

Prodotti

Stiamo aggiornando l'inventario prodotti, sia per il tuo cane che per la fotografia, rimani sintonizzato sul nostro Blog per conoscere le novità.

Supporto

© 2001-2019 EpicMagnaGraecia's, All Rights Reserved